Home Random Page


CATEGORIES:

BiologyChemistryConstructionCultureEcologyEconomyElectronicsFinanceGeographyHistoryInformaticsLawMathematicsMechanicsMedicineOtherPedagogyPhilosophyPhysicsPolicyPsychologySociologySportTourism






Una riunione inaspettata 6 page

«Benissimo» disse Bilbo, che era ansioso di mostrarsi d'accordo, fintantoché non ne sapesse di più su quella creatura: se fosse tutto solo, se fosse aggressivo o affamato, e se fosse un amico degli Orchi.

«Comincia tu» disse, perché non aveva avuto il tempo di pensare un enigma.

Così Gollum sibilò:

 



Radici invisibili ha,

più in alto degli alberi sta,

lassù fra le nuvole va

e mai tuttavia crescerà.

 



«Facile!» disse Bilbo. «È la montagna, penso.»

«Indovina cosssì facilmente? Deve fare a gara con noi, tesssoro mio! Se il tesoro domanda e lui non risponde, lo mangiamo, tesssoro mio. Se lui domanda e noi non rispondiamo, allora facciamo quello che vuole, eh? Sssì, gli faremo vedere la via d'uscita!»

«D'accordo!» disse Bilbo, non osando contraddirlo e stillandosi disperatamente il cervello per farsi venire in mente qualche enigma che potesse salvargli la vita.

 



Trenta bianchi destrier

su un colle rosso

battono e mordono,

ma nessun si è mosso.

 



Questo fu tutto quello che gli venne in mente di domandare; non riusciva a pensare ad altro che a mangiare. Era per giunta un enigma vecchio, e Gollum sapeva la risposta proprio come voi.

«Bazzecole, bazzecole» sibilò. «I denti! I denti! tesssoro mio! Ma noi ne abbiamo solo ssei!» Poi pose il suo secondo enigma:

 



Non ha voce e grida fa,

non ha ali e a volo va,

non ha denti e morsi dà,

non ha bocca e versi fa.

 



«Un attimo!» gridò Bilbo, che stava ancora pensando con angoscia al fatto di essere mangiato. Per fortuna una volta aveva già sentito qualcosa di abbastanza simile, e ricuperando le proprie facoltà mentali gli venne in mente la risposta: «Il vento, il vento naturalmente!» disse, e fu così contento che ne coniò uno lì per lì. 'Questo metterà in imbarazzo questa repellente creatura sotterranea' pensò.

Un occhio in un azzurro viso

vide un altr'occhio dentro un verde viso:

«Quell'occhio è come me, però è laggiù,»

mentre il mio occhio se ne sta quassù.

 



«Sss, sss, sss!» disse Gollum. Era stato sotto terra per tanto di quel tempo che ormai andava dimenticandosi di questo tipo di cose. Ma proprio quando Bilbo cominciava a sperare che il miserabile non sapesse rispondere, Gollum riportò a galla ricordi di tempi lontani, quando viveva con la nonna in una caverna sull'argine di un fiume. «Sssì, sssì, tesssoro mio» disse. «Vuol dire il sole sulle pratoline, vuol dire!»

Ma questo tipo di enigmi che riguardavano le cose normali e comuni della vita terrena lo stancavano molto. Inoltre gli ricordavano giorni in cui era stato meno solo, spregevole e meschino, e questo gli fece perdere le staffe. Non solo: ma gli fece anche venire fame; così questa volta tentò qualcosa un po' più difficile e più sgradevole:

 



Vedere non si può e neanche sentire,

fiutare non si può e neppure udire.

Sta sotto i colli, sta dietro le stelle

ed empie tutti i vuoti, tutte le celle.

Per primo viene, ultimo va,

a vita e a riso termine dà.

 



Per sfortuna di Gollum, Bilbo aveva già udito qualcosa di simile; e comunque la risposta si trovava tutt'attorno a lui. «Il buio!» disse senza neanche grattarsi la testa o lambiccarsi il cervello.

 



Senza coperchio, chiave, né cerniera

uno scrigno cela una dorata sfera.

 



Così disse, tanto per guadagnare tempo, finché non fosse riuscito a escogitarne uno veramente difficile. Questo pensava che fosse proprio roba da bambini, anche se non l'aveva posto nella solita forma. Ma si rivelò un brutto enigma per Gollum. Sibilò tra sé e sé, ma non rispose; borbottò e farfugliò.

Dopo un po' Bilbo si spazientì. «Be', allora?» disse. «La risposta non è una pentola che bolle, come sembra che tu pensi, a giudicare dal rumore che fai.»

«Dacci un po' di tempo, che ci dia un po' di tempo, tesssoro mio, sss... sss...»

«Be',» disse Bilbo, dopo avergli dato un bel po' di tempo «che ne diresti di rispondere?»

Ma a un tratto Gollum si ricordò di quando prendeva i nidi molto tempo addietro e sedeva sotto l'argine del fiume insegnando a sua nonna come succhiare. «Sssì! Le uova!» sibilò. «Sssono le uova!» Poi domandò:

 



Vive senza respirare,

freddo come morte pare,

beve ma non è assetato,

non tintinna corazzato.

 



A sua volta, egli pensava che questo fosse un enigma facilissimo, poiché la risposta era costantemente al centro delle sue preoccupazioni. Ma sul momento non gli venne in mente niente di meglio, tanto l'aveva messo in agitazione la domanda sulle uova. Ciononostante era un problema imbarazzante per il povero Bilbo, che non aveva mai avuto niente a che fare con l'acqua fintantoché aveva potuto farne a meno. Immagino che sappiate la risposta naturalmente, o che possiate indovinarla in un batter d'occhio, dal momento che ve ne state comodamente seduti a casa e il rischio di venire mangiati non turba minimamente le vostre meditazioni. Bilbo si sedette e si schiarì la gola un paio di volte, ma non diede nessuna risposta.

Dopo un po' Gollum cominciò a sibilare tra sé e sé con gioia. «È buono tesssoro mio? E sssugoso? È deliziosamente croccante?» Nell'oscurità egli cominciò a scrutare Bilbo.

«Un attimo!» disse lo Hobbit rabbrividendo. «Poco fa ti ho dato tutto i tempo che volevi per pensare!»

«Si deve sbrigare, si deve sbrigare!» disse Gollum, accingendosi a scendere dalla barca per avvicinarsi a Bilbo. Ma quando mise in acqua il suo lungo piede palmato, un pesce ne saltò fuori spaventato e cadde sull'alluce di Bilbo.

«Brr!» egli disse. «È freddo e viscido!», e così indovinò. «Il pesce, il pesce!» gridò. «È il pesce!»

Gollum fu terribilmente deluso; ma Bilbo gli pose subito un altro enigma, cosicché Gollum dovette risalire sulla barca a pensare.

 



Senza-gambe sta su Una-gamba,

Due-gambe vi siede accanto su Tre-gambe,

Quattro-gambe ne prende un po'.

 



Non era il momento migliore per porre questo enigma, ma Bilbo aveva fretta. Forse se gli fosse stato posto in un altro momento, Gollum si sarebbe trovato in difficoltà a scioglierlo. Stando le cose come stavano, parlando cioè di pesci, 'senza-gambe' non era proprio tanto difficile, e indovinato questo il resto era facile. «Un pesce su un tavolinetto, un uomo a tavola seduto su uno sgabello, il gatto mangia le lische», questa ovviamente è la soluzione e Gollum ci arrivò ben presto. Poi pensò che era arrivato il momento di domandare qualcosa di difficile e orribile, e così disse:

 



Questa cosa ogni cosa divora,

ciò che ha vita, la fauna, la flora;

i re abbatte e così le città,

rode il ferro, la calce già dura;

e dei monti pianure farà.

 



Il povero Bilbo sedeva nel buio pensando a tutti gli orribili nomi di tutti i Giganti e Orchi di cui avesse mai sentito parlare nelle fiabe, ma nessuno di essi aveva fatto tutte queste cose. Cominciò a impaurirsi, e questa è una gran brutta cosa se si deve pensare. Gollum cominciò a uscire dalla barca. Si calò in acqua e sguazzò verso la riva; Bilbo poteva vedere i suoi occhi farsi più vicini. La lingua sembrava esserglisi seccata in bocca; voleva urlare: «Dammi più tempo! Dammi tempo!». Ma tutto ciò che gli uscì di bocca in uno strillo acuto fu:

«Tempo! Tempo!»

 



Bilbo si era salvato per mera fortuna. Proprio questa infatti era la risposta giusta.

Gollum fu deluso una volta di più; e ora cominciava ad arrabbiarsi veramente e a stancarsi del gioco, che gli aveva fatto venire una fame tremenda. Si sedette al buio vicino a Bilbo. Ciò mise lo Hobbit terribilmente a disagio e mentalmente sottosopra.

«Deve farci una domanda, tesssoro mio, sì, sssì, sssì. Ancora una sssola domanda a cui rispondere, sì, sssì» disse Gollum.

Ma Bilbo non poteva assolutamente pensare alcuna domanda, con quel brutto coso freddo e umido seduto accanto a lui, che lo toccava e palpava con le sue zampacce. Si grattò la testa, si diede dei pizzichi: invano. Non gli veniva in mente proprio niente.

«Domanda! Domanda!» disse Gollum.

Bilbo si diede schiaffi e pizzichi; si afferrò alla sua piccola spada; cercò perfino in tasca con l'altra mano e vi trovò l'anello che aveva raccolto per terra nel tunnel e di cui si era dimenticato.

«Che cos'ho in tasca?» disse ad alta voce. Parlava tra sé e sé, ma Gollum credette che fosse un indovinello e ne fu tremendamente sconvolto.

«Non vale! Non vale!» sibilò. «Non vale, tesssoro mio, non vale domandarci cos'ha nelle sssue brutte tassscacce!»

 



 



Rendendosi conto di quanto era successo e non avendo niente di meglio da domandare, Bilbo insistette nella sua domanda: «Che cos'ho in tasca?» disse a voce più alta.

«Sss!» sibilò Gollum. «Deve farci dare tre risssposte, tesssoro mio, tre risssposte!»

«Benissimo! Sotto con la prima!» disse Bilbo.

«Mani!» disse Gollum.

«Sbagliato!»disse Bilbo, che per fortuna aveva tolto la mano di tasca. «Prova di nuovo!»

«Sss» disse Gollum più agitato che mai. Pensò a tutte le cose che lui stesso teneva in tasca: lische di pesce, denti di Orchi, conchiglie umide, un pezzetto d'ala di pipistrello, una pietra affilata per affilarci le sue zanne e altre cose orribili. Si sforzò di pensare che cosa potesse tenere in tasca l'altra gente. «Coltello!» disse alla fine.

«Sbagliato!» disse Bilbo, che aveva perso il suo tempo addietro. «Ultima risposta!»

Adesso Gollum era in uno stato tremendo, molto peggiore di quando Bilbo gli aveva fatto la domanda sulle uova. Sibilò e farfugliò, si dondolò avanti e indietro, batté i piedi a terra, si contorse e si dimenò; ma ancora non osava sprecare la sua ultima risposta.

«Forza!» disse Bilbo. «Sto aspettando.» Cercava di sembrare sicuro e baldanzoso, ma non stava affatto tranquillo su come sarebbe andato a finire il gioco, che Gollum indovinasse o no.

«Il tempo è scaduto!» disse.

«Spago oppure niente!» strillò Gollum, che non era un giocatore molto corretto, dando due risposte insieme.

«Sbagliati tutti e due!» gridò Bilbo, assai sollevato; e subito balzò in piedi, appoggiò la schiena alla parete più vicina e protese la piccola spada. Naturalmente sapeva che il gioco degli enigmi era sacro ed estremamente antico, e che perfino le creature più malvagie avevano timore di imbrogliare quando ci giocavano. Ma sentì che non poteva fidarsi della parola data da quel coso viscido, qualora esso si trovasse nelle peste. Qualsiasi scusa sarebbe stata buona per non mantenerla. E dopo tutto quell'ultima domanda non era stata un vero enigma secondo le regole antiche.

Ma a ogni modo Gollum non lo attaccò subito. Poteva vedere la spada in mano a Bilbo. Sedeva fermo, rabbrividendo e sussurrando. Alla fine Bilbo non poté aspettare oltre.

«Be'?» disse. «E la tua promessa? Voglio andarmene e tu devi mostrarmi la via.»

«Davvero, tesssoro? Abbiamo detto che avremmo mostrato la via d'uscita all'odioso piccolo Baggins, sì, sì. Ma che cosss'ha in tasssca, eh? Niente spago, tesssoro, ma nemmeno niente. Oh, no! Gollum!»

«Lascia perdere» disse Bilbo. «Ogni promessa è debito.»

«Seccato e impaziente, ecco quello che è, tesssoro» sibilò Gollum. «Ma deve aspettare, sì che deve aspettare. Non possiamo risalire i tunnel così in fretta. Prima dobbiamo andare a prendere certe cose, sì, certe cose di cui avremo bisogno.»

«Allora spicciati!» disse Bilbo, sollevato al pensiero che Gollum si allontanasse. Pensò che stesse solo cercando un pretesto e che non avesse intenzione di ritornare. Di che cosa stava parlando Gollum? Quali potevano essere le cose utili che teneva da parte sul lago oscuro? Ma si sbagliava. Gollum aveva tutte le intenzioni di ritornare. Era arrabbiato, ora, e aveva fame. Ed era un essere miserabile e malvagio, e aveva già un suo piano.

Non lontano di lì c'era il suo isolotto, di cui Bilbo non sapeva niente, e nel suo nascondiglio egli conservava insieme con alcuni spregevoli oggetti scompagnati una sola cosa molto bella, bellissima, meravigliosa. Aveva un anello, un anello d'oro, un anello prezioso, un tesoro.

'Il mio regalo di compleanno!' sussurrò tra sé e sé, come faceva spesso negli oscuri giorni senza fine. 'Ecco che cosa ci serve adesso, sì: ci serve!'

Gli serviva perché era un anello magico, e se uno se lo infilava al dito diventava invisibile; solo in pieno sole si poteva essere visti e d'altronde a causa della propria ombra, che sarebbe stata vaga e indistinta.

«Il mio regalo! Mi fu dato per il mio compleanno, il mio tesoro, tesoro mio.» Questo era quello che si era sempre detto. Ma chi sa in che modo Gollum era entrato in possesso di quel regalo, tanto tempo addietro, ai vecchi tempi in cui anelli come questo erano ancora diffusi nel mondo? Forse neanche il Signore che li dominava avrebbe potuto dirlo. All'inizio Gollum lo portava al dito, finché il dito gli si stancò; poi lo conservò in un sacchetto a contatto della pelle, finché la pelle non gli si irritò; e ora di solito lo teneva nascosto in un buco nella roccia sul suo isolotto, e tornava sempre indietro a guardarlo. A volte però se lo rimetteva al dito, quando non poteva sopportare di rimanere separato più a lungo, o quando aveva tanta, tanta fame ed era stanco di mangiare pesce. Allora strisciava lungo passaggi oscuri in cerca di Orchi isolati. Talora si avventurava perfino in posti dove le torce erano accese e gli facevano sbattere e dolere gli occhi: infatti non correva alcun rischio. Oh no, proprio nessuno. Nessuno lo vedeva, nessuno si accorgeva di lui finché non li strangolava. Aveva infilato l'anello solo qualche ora prima e aveva catturato un Orchettino. Come strillava! Gli erano rimaste ancora un paio di ossa da rosicchiare, ma voleva qualcosa di più tenero.

 



 



'Nessun rischio, proprio così' sussurrò tra sé e sé. 'Non ci vedrà, non è vero, tesoro mio? No. Non ci vedrà, e la sua odiosa piccola spada sarà inutile, sì, proprio.'

Queste erano le idee che passavano per la sua testolina malvagia, quando improvvisamente scivolò via dal fianco di Bilbo, e risalì sulla barca e se ne andò al buio. Bilbo pensò di averla fatta finita con lui. Tuttavia attese per un po', non avendo idea di come trovare da solo la via d'uscita.

Improvvisamente udì un grido acutissimo, che gli fece correre un brivido fin nel midollo delle ossa. Non molto lontano da dove era risuonato il grido, Gollum imprecava e gemeva nelle tenebre. Sul suo isolotto stava rovistando dappertutto, cercando e perlustrando invano.

«Dove sta? Dove sssta?» Bilbo lo udì che gridava. «Si è perso, il mio tesoro, perso, perso! Morte e dannazione a noi, il nostro tesoro si è perso!»

«Che succede?» gli gridò Bilbo. «Cos'hai perso?»

«Non deve farci domande» strillò Gollum. «Non sono affari suoi, no, gollum! Si è perssso, gollum, gollum, gollum.»

«Be' anch'io mi sono perso!» gridò Bilbo. «E voglio ritrovare la strada. Il gioco l'ho vinto io, e tu avevi promesso. Perciò muoviti! Muoviti e portami fuori di qui, e poi continua pure le tue ricerche!» Per quanto Gollum sembrasse così disperato, in cuor suo Bilbo non poteva provare molta pietà, e aveva la sensazione che qualunque cosa fosse quella che Gollum voleva con tanta disperazione, difficilmente poteva essere qualcosa di buono. «Muoviti!» allora gridò.

«No, non ancora, tesoro!» rispose Gollum. «Dobbiamo cercarlo, si è perso, gollum.»

«Ma tu non hai mica risposto alla mia ultima domanda, e avevi promesso...» disse Bilbo.

«Mica risposto!» disse Gollum. Poi a un tratto dalle tenebre giunse un sibilo aspro. «Che cos'ha in tasssca? Deve dircelo. Prima ce lo deve dire.»

Per quanto ne sapesse Bilbo, non c'era nessun motivo particolare per cui non dovesse dirglielo. La mente di Gollum era arrivata alla conclusione giusta più velocemente della sua; per forza, perché Gollum aveva rimuginato su quella sola cosa per un'eternità, e aveva sempre paura che gliela rubassero. Ma Bilbo era seccato del ritardo. Dopo tutto, il gioco lo aveva vinto lui, abbastanza correttamente del resto, correndo un rischio orrendo. «Le risposte andavano indovinate, non date» disse.

«Ma non era una domanda leale» disse Gollum. «Non era un enigma, tesoro, no!»

«Oh, be', se parli di domande normali,» disse Bilbo «allora te ne ho fatto prima una io. Che cosa hai perso? Dimmi questo!»

«Che cos'ha in tasssca?» Il sibilo risuonò più forte e più aspro, e guardando in quella direzione Bilbo vide ora, con spavento e allarme, due punticini luminosi che lo scrutavano. Più il sospetto cresceva nella mente di Gollum, più i suoi occhi brillavano di una pallida fiamma.

«Che cosa hai perso?» insistette Bilbo.

Ma ora la luce negli occhi di Gollum era diventata un fuoco verde che si avvicinava velocemente. Gollum era di nuovo in barca, e stava remando selvaggiamente per tornare sulla riva scura, in preda a una tale collera per la perdita subita e per il sospetto, che nessuna spada lo avrebbe più intimorito.

Bilbo non poteva indovinare che cosa avesse sconvolto quell'essere miserabile, ma vide che il gioco era finito e che Gollum aveva intenzione di ucciderlo a tutti i costi. Fece appena in tempo a girarsi, e a correre via ciecamente su per lo scuro passaggio per il quale era sceso, tenendosi sempre vicino alla parete e toccandola con la mano sinistra.

«Che cos'ha in tasssca?» Il sibilo risonò forte dietro di lui, e udì anche il tonfo che Gollum fece calandosi dalla barca. 'Vorrei proprio saperlo anch'io!' disse tra sé e sé, mentre avanzava ansimando e inciampando. Mise la mano sinistra in tasca. L'anello gli sembrò molto freddo mentre si infilava quietamente nell'indice che lo andava cercando.

Il sibilo, ora, era proprio dietro di lui. Si girò e vide gli occhi di Gollum che salivano su per la china come piccole lampade verdi. Terrorizzato, cercò di correre più forte, ma improvvisamente urtò col piede contro una sporgenza del terreno e cadde bocconi con la spada sotto di sé.

In un attimo Gollum gli fu sopra. Ma prima che Bilbo potesse fare qualcosa, riprendere fiato, tirarsi su, o brandire la spada, Gollum lo sorpassò senza accorgersi affatto di lui, imprecando e sussurrando mentre correva.

Che voleva dire tutto ciò? Gollum poteva vederci al buio. Anche da dietro Bilbo poteva vedere la luce dei suoi occhi che scintillavano fiochi. Penosamente si rialzò, e rimise nel fodero la spada, che ora brillava di nuovo debolmente, poi si mise a seguire Gollum con molta prudenza. Non c'era altro da fare, a quel che pareva. Non aveva senso strisciare di nuovo laggiù, al lago di Gollum. Forse, se lo seguiva, costui avrebbe potuto portarlo, non volendo, a qualche via di salvezza.

«Maledetto! Maledetto! Maledetto!» sibilava Gollum. «Maledetto quel Baggins! È scomparso! Che cos'ha in tasssca? Oh sì che indoviniamo, tesoro mio. L'ha trovato, sì l'ha trovato per forza, il mio regalo di compleanno.»

Bilbo drizzò le orecchie. Finalmente cominciava a indovinare anche lui. Si affrettò un poco, avvicinandosi quanto più osò dietro a Gollum, che andava ancora di corsa, senza guardarsi indietro, ma volgendo la testa ora da un lato ora dall'altro, come Bilbo poteva vedere nel debole bagliore riflesso sulle pareti.

«Il mio regalo! Che sia maledetto! Come abbiamo fatto a perderlo, tesoro mio! Sì, è così. L'ultima volta che siamo passati per di qua, quando abbiamo tirato il collo a quel maialetto che strillava tanto. È così. Maledetto! Ci è scivolato, dopo tutti questi anni e anni! È scomparso, gollum.»

Improvvisamente Gollum si sedette e si mise a piangere con un suono fischiarne e gorgogliante orribile a sentirsi. Bilbo si fermò, schiacciandosi contro la parete del tunnel. Dopo un po' Gollum smise di piangere e cominciò a parlare. Sembrava che discutesse con se stesso.

«Non ha senso tornare indietro a cercarlo là. Non ci ricordiamo tutti i posti dove siamo passati. E non serve a niente. Il Baggins ce l'ha in tasssca; quell'odioso ficcanaso l'ha trovato, lo diciamo noi.»

«Lo sssupponiamo, tesoro, lo sssupponiamo solamente. Non possiamo esserne sicuri finché non troviamo quella maledetta creatura e non la strozziamo. Ma lui non sa che cosa può fare il nostro regalo, non è vero? Lo terrà in tasca e basta. Non lo sa e non può andare lontano. Si è perso anche lui, quell'odioso ficcanaso. Non conosce la strada per uscire. L'ha detto lui.»

«Sì, lo ha detto; ma è un imbroglione. Non dice quello che pensa. Non voleva dire che cos'aveva in tasssca. La conosce! Non voleva dire che cos'aveva in tasssca. La conosce! Conosce la via per entrare e perciò deve conoscere anche quella per uscire, sì, certo. Se n'è andato verso l'uscita secondaria. L'uscita secondaria, proprio così.»

«Allora lo cattureranno gli Orchi. Non può uscire di lì, tesoro.»

«Sss, sss, gollum! Gli Orchi! Sssì, ma se ha il regalo, il nostro regalo, il nostro tesoro, allora se lo prenderanno gli Orchi, gollum! Lo troveranno, e scopriranno il suo potere. Non saremo mai più al sicuro, mai più, gollum! Uno degli Orchi ssse lo infilerà e poi nessuno lo vedrà. Ci sarà ma sarà invisibile. Nemmeno i nostri occhi acuti potranno scorgerlo; e verrà a catturarci quatto quatto, come un serpente, gollum, gollum

«Quindi smettiamola di parlare, tesoro, e affrettiamoci. Se il Baggins se n'è andato per di qua, dobbiamo correre a vedere. Avanti! Non può essere lontano! Affrettiamoci!»

Con un balzo Gollum si alzò e si mise in marcia a forte andatura. Bilbo si affrettò a seguirlo, ancora con prudenza, benché la sua paura maggiore fosse ora di inciampare in un'altra sporgenza e di cadere rumorosamente. La testa gli girava per la speranza e la meraviglia. Pareva che l'anello che aveva fosse magico: rendeva invisibili! Naturalmente aveva sentito parlare di queste cose, nelle antiche leggende; ma era difficile credere che ne avesse realmente trovato uno, così per caso. Eppure era proprio la verità: Gollum coi suoi occhi luminosi lo aveva oltrepassato, correndo a meno di un metro di distanza da lui.

Avanzavano, Gollum davanti dondolandosi come un'anatra, sibilando e imprecando; Bilbo dietro, silenzioso come solo uno Hobbit può esserlo. In breve arrivarono a un tratto del tunnel dove, come Bilbo si era accorto scendendo, si aprivano dei passaggi laterali, alcuni da una parte e altri dall'altra. Gollum si mise subito a contarli.

«Il primo a sinistra, sì. Il primo a destra, sì. Il secondo a destra, sì, sì. Il secondo a sinistra, sì, sì.» E così via e così via.

Via via che il conto aumentava, egli rallentò il passo, e cominciò ad avanzare con incertezza e a piagnucolare, poiché stava allontanandosi dal lago e cominciava ad avere paura. Potevano esserci in giro degli Orchi, ed egli aveva perso il suo anello. Alla fine si fermò davanti a un'apertura bassa, a sinistra salendo.

«Il settimo a destra, sì. Il sesto a sinistra, sì» sussurrò. «Eccola qua! Questa è la strada per l'uscita secondaria, sì. Ecco il passaggio!»

Scrutò all'interno e si ritrasse. «Ma non possiamo azzardarci ad andare avanti, tesoro, no non possiamo proprio. Ci sssono gli Orchi laggiù. Un sssacco di Orchi. Li sentiamo dall'odore. Sss!»

«Che dobbiamo fare? Morte e dannazione a loro! Bisogna aspettare qua, tesoro, aspettare un po' e vedere.»

Così arrivarono a un punto morto. Gollum aveva portato Bilbo fino alla via d'uscita, dopo tutto, ma Bilbo non poteva imboccarla! C'era Gollum che sedeva tutto raggomitolato proprio all'inizio e gli occhi gli brillavano freddi sulla faccia, mentre la girava da una parte e dall'altra tra le ginocchia.

Bilbo si allontanò strisciando via dalla parete, più silenzioso di un topo; ma Gollum si irrigidì immediatamente, fiutò l'aria e i suoi occhi divennero verdi. Sibilò piano ma minacciosamente. Non poteva vedere lo Hobbit, ma adesso stava in guardia, e aveva altri sensi che il buio aveva affinato: l'udito e l'olfatto. Sembrava che si fosse acquattato, con le piatte mani schiacciate per terra e la testa protesa, il naso quasi sulla pietra. Sebbene fosse solo un'ombra nera al bagliore dei propri occhi, Bilbo poteva vedere o sentire che era teso come la corda di un violino, pronto a balzare.

Bilbo smise quasi di respirare e si irrigidì anche lui. Era disperato. Doveva andarsene da quell'oscurità orribile, mentre gli rimaneva ancora un po' di forza. Doveva combattere. Doveva pugnalare quel pazzo, cavargli gli occhi, ucciderlo. Voleva ucciderlo. No, non era un combattimento leale. Egli era invisibile adesso. Gollum non aveva una spada. Gollum non aveva ancora realmente minacciato di ucciderlo, o cercato di farlo. Ed era infelice, solo e perduto. Un'improvvisa comprensione, una pietà mista a orrore, sgorgò nel cuore di Bilbo: rapida come un baleno gli si levò davanti la visione di infiniti, identici giorni, senza una luce o una speranza di miglioramento: pietra dura, pesce freddo, strisciare e sussurrare. Tutti questi pensieri gli passarono davanti in una frazione di secondo. Egli tremò. E poi tutto a un tratto, ancora in una frazione di secondo, quasi ricaricato di nuova forza e risolutezza, saltò in avanti.

Non era un gran salto, per un Uomo, ma era un salto nel buio. Balzò diritto sopra la testa di Gollum: un balzo alto un metro e lungo due; per fortuna non lo sapeva, ma c'era mancato un pelo che si sfasciasse il cranio contro la bassa volta del passaggio.

Gollum si voltò di scatto levandosi mentre lo Hobbit volava sopra di lui, ma troppo tardi: i suoi artigli non afferrarono che aria, e Bilbo, ricadendo agilmente sui suoi solidi piedi, si precipitò di corsa giù per il nuovo tunnel! Non si girò a guardare cosa stesse facendo Gollum. Dapprima ci furono sibili e imprecazioni alle sue calcagna, poi silenzio. Tutto a un tratto risonò un urlo da agghiacciare il sangue, pieno di odio e di disperazione. Gollum era stato sconfitto. Non osava avanzare oltre. Aveva perso, perso la sua preda e perso, soprattutto, l'unica cosa cui avesse mai tenuto: il suo tesoro. Il grido gli fece balzare il cuore in gola, ma Bilbo non si fermò. Debole ora, quasi come un'eco, ma minacciosa, la voce lo raggiunse da dietro:

«Ladro, ladro, ladro! Baggins! Lo odiamo, lo odiamo, lo odieremo per sempre!»

Poi scese il silenzio. Ma anch'esso sembrò minaccioso a Bilbo. 'Se gli Orchi sono così vicini che lui li ha fiutati,' pensò 'allora devono averlo sentito urlare e imprecare. Attenzione adesso, o questa strada ti porterà incontro al peggio.'

Il passaggio era basso e fatto alla bell'e meglio. Non era troppo difficile per lo Hobbit, tranne quando i suoi poveri piedi urtarono di nuovo varie volte, benché facesse molta attenzione, contro le pietre appuntite che sporgevano dal terreno. 'Un po' basso per degli Orchi, per quelli grossi almeno' pensò Bilbo, non sapendo che perfino quelli grossi, gli Orchi delle montagne, potevano avanzare a gran velocità curvi fino quasi a toccare terra con le mani.


Date: 2015-12-17; view: 159


<== previous page | next page ==>
Una riunione inaspettata 5 page | Una riunione inaspettata 7 page
doclecture.net - lectures - 2014-2017 year. (0.02 sec.)