Home Random Page


CATEGORIES:

BiologyChemistryConstructionCultureEcologyEconomyElectronicsFinanceGeographyHistoryInformaticsLawMathematicsMechanicsMedicineOtherPedagogyPhilosophyPhysicsPolicyPsychologySociologySportTourism






Una riunione inaspettata 3 page

«Vecchio mio,» gli disse «ma quando ti decidi a venire? E la partenza di buon'ora! Eccoti qui a fare colazione, o come la vuoi chiamare, alle dieci e mezzo! Ti hanno lasciato quel messaggio perché non potevano aspettare.»

«Che messaggio?» disse il povero signor Baggins, tutto turbato.

«Perdinci!» disse Gandalf. «Ma che hai stamattina? Non hai spolverato la mensola del camino!»

«E che c'entra? Ho avuto abbastanza da fare a lavar piatti per quattordici persone!»

«Se tu avessi spolverato la mensola, avresti trovato questo proprio sotto l'orologio» disse Gandalf porgendo a Bilbo un bigliettino (scritto naturalmente su carta intestata). Questo è quanto lesse:

 

«Da Thorin e Compagnia a Bilbo, lo Scassinatore, salute e salve! Ti ringraziamo sinceramente per l'ospitalità e accettiamo con gratitudine la tua offerta di prestarci la tua assistenza professionale. Questi sono i termini: pagamento in contanti alla consegna, fino, ma non oltre, a un quattordicesimo del guadagno netto totale (se ce ne sarà); tutte le spese di viaggio assicurate in ogni caso; spese funebri a carico nostro o dei nostri rappresentanti, se se ne presenterà l'occasione e la questione non verrà sistemata altrimenti.»

«Ritenendo inutile disturbare il tuo pregiato riposo, abbiamo provveduto in anticipo a fare i preparativi necessari, e rimarremo in attesa della tua insigne persona alla locanda del Drago Verde, a Lungacque, alle undici precise. Sicuri che sarai puntuale

abbiamo l'onore di firmarci i tuoi devotissimi

Thorin & Co.

 

«Hai solo dieci minuti di tempo. Ti toccherà correre» disse Gandalf.

«Ma...» disse Bilbo.

«Non c'è tempo» disse lo stregone.

«Ma...» disse ancora Bilbo.

«Non c'è tempo neanche per questo! Sbrigati!»

Fino alla fine dei suoi giorni Bilbo non riuscì mai a ricordare come fece a trovarsi fuori casa, senza cappello, bastone, un po' di denaro, o una qualsiasi di quelle cose che di solito portava con sé quando usciva, lasciando a metà la sua seconda colazione e senza sparecchiare, ficcando le chiavi in mano a Gandalf e correndo alla massima velocità consentitagli dai piedi lanosi giù per il viottolo, oltre il grande Mulino, di là dall'Acqua e poi per un miglio e più.

 

 

Era ansimante quando arrivò a Lungacque proprio alle undici precise, e scoprì che era venuto via senza neppure un fazzoletto!

«Bravo!» disse Balin che stava sulla porta della locanda in attesa di vederlo arrivare.

Proprio allora tutti gli altri sbucarono da dietro l'angolo della strada proveniente dal villaggio. Montavano dei pony, e da entrambi i fianchi di ogni pony pendevano i bagagli più disparati: casse, pacchi ed effetti personali. C'era anche un pony piccolo piccolo, a quanto pareva destinato a Bilbo.

«Montate su, voi due, e partiamo!» disse Thorin.

«Mi dispiace tanto,» disse Bilbo «ma sono venuto via senza cappello, e ho dimenticato il fazzoletto e sono senza soldi. Non ho ricevuto il vostro biglietto che alle dieci e quarantacinque, per essere precisi.»



«Non essere preciso,» disse Dwalin «e non preoccuparti! Dovrai fare a meno di fazzoletti e di un bel po' di altre cose, prima di arrivare alla fine del viaggio. Per quanto riguarda il cappello, ho un cappuccio e un mantello in più nel mio bagaglio.»

E fu così che si misero in viaggio, caracollando via dalla locanda in un bel mattino di fine aprile, su dei pony sovraccarichi, e Bilbo indossava un cappuccio verde scuro (un po' rovinato dalle intemperie) e un mantello verde scuro prestatigli da Dwalin. Erano troppo grandi per lui e gli davano un'aria abbastanza buffa. Che cosa avrebbe pensato di lui suo padre Bungo, non osò immaginarlo. La sua unica consolazione era che non avrebbe potuto essere scambiato per un Nano, visto che non aveva la barba.

Cavalcavano da poco, quando arrivò Gandalf, veramente superbo su un cavallo bianco. Recava con sé molti fazzoletti, e la pipa e il tabacco di Bilbo. Dopo di ciò, dunque, la brigata andò avanti molto allegramente, ed essi raccontarono storie e cantarono canzoni tutto il giorno mentre cavalcavano, eccetto naturalmente quando si fermavano per i pasti. Non ce n'erano tanti quanti Bilbo avrebbe voluto, tuttavia egli cominciò a pensare che in fondo le avventure non erano poi troppo brutte.

All'inizio erano passati attraverso le terre abitate dagli Hobbit, una vasta e rispettabile contrada abitata da gente perbene, con strade buone, una o due locande e di quando in quando un Nano o un fattore in giro per affari. Poi arrivarono a terre dove la gente parlava in modo strano, e cantava canzoni che Bilbo non aveva mai sentito prima. Adesso si erano profondamente inoltrati nelle Terre Solitarie, dove non c'erano più né persone né locande e le strade andavano costantemente peggiorando. Non molto lontano, davanti a loro, si ergevano sempre più alte tetre colline, scurite dagli alberi. Su alcune di esse si levavano vecchi castelli dall'aspetto sinistro, come se fossero stati costruiti da gente malvagia. Tutto sembrava deprimente, poiché quel giorno il tempo si era messo al brutto. Per lo più era stato bello come lo può essere a maggio, anche nelle favole più liete, ma adesso era freddo e umido. Nelle Terre Solitarie erano stati costretti ad accamparsi dove potevano, ma almeno era sempre stato all'asciutto.

«E pensare che a momenti è giugno!» borbottò Bilbo, mentre sguazzava dietro agli altri in un sentiero fangosissimo. L'ora del tè era passata; pioveva a dirotto, come aveva fatto per tutta la giornata; il cappuccio gli sgocciolava negli occhi, il mantello era pieno d'acqua; il pony era stanco e inciampava sui sassi, e gli altri erano troppo di cattivo umore per parlare. 'E sono sicuro che la pioggia è entrata nei vestiti asciutti e nelle borse delle provviste' pensò Bilbo. 'Accidenti agli scassinamenti e a tutto quello che ci ha a che fare! Quanto vorrei essere a casa nella mia bella caverna accanto al fuoco, con la cuccuma che comincia a fischiare.' Non fu l'ultima volta che espresse questo desiderio!

I Nani non smettevano di avanzare, senza girarsi mai, e ignorando completamente lo Hobbit. Chissà dove, dietro alle nuvole grigie, il sole doveva essere tramontato, perché il buio cominciò a calare mentre scendevano in una profonda valle sul cui fondo scorreva un fiume. Si levò il vento e i salici sulle sponde si piegarono e sospirarono. Per fortuna la strada passava sopra un antico ponte di pietra, poiché il fiume, gonfiatosi a causa della pioggia, si precipitava con violenza giù dalle colline e dalle montagne a Nord. Era quasi notte quando arrivarono dall'altra parte. Il vento squarciò le nuvole grigie e in mezzo ai lembi svolazzanti una vaga luna apparve sopra le colline. A quel punto essi si fermarono e Thorin borbottò qualcosa riguardo alla cena, «e dove troveremo un posticino asciutto per dormire?.»

Fu solo allora che si accorsero che Gandalf non c'era. Fino a quel punto li aveva sempre seguiti senza mai dire se era anche lui dei loro o se si sarebbe limitato ad accompagnarli per un po'. Aveva mangiato più di tutti, parlato più di tutti, e riso più di tutti. E adesso era semplicemente sparito!

«Proprio quando uno stregone ci sarebbe stato più utile che mai!» borbottarono Dori e Nori (che condividevano il punto di vista dello Hobbit riguardo ai pasti regolari, abbondanti e frequenti).

Alla fine decisero che avrebbero dovuto accamparsi dov'erano. Si spostarono sotto un folto d'alberi, e sebbene lì sotto fosse più asciutto il vento scoteva via la pioggia dalle foglie e il continuo sgocciolio era veramente insopportabile. Il malocchio sembrava aver colpito perfino il fuoco. I Nani sono capaci di accendere il fuoco quasi dappertutto servendosi praticamente di qualsiasi cosa, vento o non vento; ma quella notte non ci riuscirono neanche Oin e Gloin che avevano una particolare abilità a farlo.

Poi uno dei pony si spaventò per un nonnulla e si imbizzarrì. Corse fin dentro al fiume prima che riuscissero a catturarlo, e prima che riuscissero a tirarlo fuori di nuovo Fili e Kili erano quasi annegati e tutto il bagaglio che portava gli era stato strappato di dosso. Ovviamente si trattava in prevalenza di cibarie, e così ne rimanevano poche per cena e ancor meno per la prima colazione.

Sedevano tutti lì abbattuti e bagnati, borbottando, mentre Oin e Gloin continuavano a cercare di accendere il fuoco e a litigarci sopra. Bilbo rifletteva tristemente che le avventure non sono fatte solo di piacevoli cavalcate al sole di maggio, quando Balin, la loro vedetta, disse: «C'è una luce laggiù!». A una certa distanza c'era una collina coperta di alberi. Nella massa scura delle piante riuscirono a distinguere una luce rossastra dall'aspetto confortante, come un fuoco, per esempio, o alcune torce accese. Quando l'ebbero guardata per un po', cominciarono a discutere animatamente. Alcuni dicevano «no» e alcuni dicevano «sì». Alcuni dicevano che potevano almeno andare a vedere, e che qualsiasi cosa era meglio di una misera cena, una colazione ancora più scarsa, e vestiti bagnati per tutta la notte.

Altri dissero: «Queste parti nessuno le conosce bene, e sono troppo vicine alle montagne. Al giorno d'oggi pochi viaggiatori percorrono questa strada. Le vecchie mappe sono inutili: le cose sono peggiorate e la strada non è sorvegliata. Da queste parti si è sentito raramente parlare del re, e meno curiosi si è, andando avanti, meno guai è probabile avere». Alcuni dissero: «In fondo siamo quattordici». Altri dissero: «Dov'è andato a finire Gandalf?». Questa osservazione fu ripetuta da tutti. Poi la pioggia ricominciò a scrosciare più forte che mai e Oin e Gloin presero a picchiarsi.

Questo risolse la questione. «Dopo tutto abbiamo uno scassinatore con noi» dissero, e così si avviarono guidando i pony (con tutta la dovuta e necessaria cautela) in direzione della luce. Arrivarono alla collina e presto furono nel bosco. Salirono su per la collina; ma un sentiero vero e proprio, che potesse portare a una casa o a una fattoria non era visibile; e sebbene facessero del loro meglio, non poterono evitare un bel po' di fruscii, scricchiolii e Scalpiccii (ma anche un bel po' di borbottii e di imprecazioni) mentre avanzavano fra gli alberi al buio, un buio nero come la pece.

Improvvisamente la luce rossa brillò molto vivida fra i tronchi non lontani.

«Adesso tocca allo scassinatore» dissero, alludendo a Bilbo. «Devi andare a scoprire tutto su quella luce, e a che serve, e se tutto è perfettamente sicuro e a posto» disse Thorin allo Hobbit. «Adesso corri e sbrigati a tornare, se tutto va bene. Altrimenti, torna quando puoi! Se non puoi, fai due volte il verso della civetta e una volta quello del gufo e faremo tutto il possibile per aiutarti.»

E Bilbo dovette andare, prima di poter spiegare che non era capace di fare neanche una volta sola il verso di un qualsiasi uccello, più di quanto non fosse capace di volare come un pipistrello. Ma a ogni modo gli Hobbit si muovono molto silenziosamente nei boschi, senza fare alcun rumore. Ne sono molto fieri e Bilbo aveva arricciato il naso più di una volta per «tutto quel chiasso nanesco», come diceva lui, durante il viaggio, anche se non credo che voi o io avremmo notato nulla in una notte ventosa, neanche se l'intera cavalcata ci fosse passata a mezzo metro di distanza. Quanto a lui, Bilbo, che ora camminava tutto teso e attento verso la luce rossa, credo che neanche una donnola avrebbe mosso un baffo al suo passaggio. Così, naturalmente, arrivò proprio accanto al fuoco - poiché di un fuoco si trattava - senza disturbare nessuno. E questo è ciò che vide.

Tre individui grandi e grossi stavano seduti attorno a un gran fuoco di ceppi di faggio. Stavano arrostendo dell'abbacchio su lunghi spiedi di legno e si leccavano il sugo dalle dita. C'era nell'aria un profumino appetitoso, e c'era anche un barilotto di buona birra a portata di mano, ed essi la bevevano in grandi boccali. Ma erano Uomini Neri. Senza possibilità d'errore. Perfino Bilbo, nonostante la sua vita ritirata, poteva rendersene conto: dalle loro grosse facce volgari, dalla loro taglia e dalla forma delle loro gambe, per non parlare del loro linguaggio che non era per niente salottiero, proprio per niente.

«Abbacchio ieri, abbacchio oggi e che mi caschi un occhio in mano se non ci avremo abbacchio pure domani» disse uno degli Uomini Neri.

«Neanche un pezzettino da niente di carne d'uomo, ci abbiamo avuto quest'ultimi tempi!» disse il secondo. «Che diavolo gli è venuto in mente a Guglielmo di portarci da 'ste parti, io proprio non lo capisco! E tra un po' rimaniamo anche senza bere!» disse urtando il gomito di Guglielmo che stava bevendo un sorso dal suo boccale.

A Guglielmo andò di traverso la birra. «E chiudi il becco!» disse appena poté. «Che ti credi, che la gente passa di qua solo per farsi mangiare da te e Berto? Tra di voi vi siete mangiati un paese e mezzo, da quando siamo scesi dalle montagne. E ancora non sei contento? Eppure ci sono stati i tempi, quando altroché se m'avresti detto grazie per un bel tocchetto d'abbacchio tenerello come questo!» E con un morso staccò un bel pezzo di carne da una zampa della pecora che stava rosolando e si asciugò le labbra con la manica.

Sì, temo proprio che gli Uomini Neri si comportino così, anche quelli che hanno solo una testa per uno. Dopo aver udito tutto questo, Bilbo avrebbe dovuto fare qualcosa all'istante. O sarebbe dovuto tornarsene indietro silenziosamente ad avvertire i suoi amici che a pochi passi da loro c'erano tre Uomini Neri di dimensioni più che rispettabili e di cattivo umore, pericolosamente propensi ad assaggiare Nani rosolati o anche pony, tanto per cambiare; oppure avrebbe dovuto fare una rubacchiatina veloce e ben fatta. Uno scassinatore veramente spettacoloso e di prim'ordine a questo punto avrebbe svuotato le tasche agli Uomini Neri (ne vale quasi sempre la pena, se ci si riesce), portato via l'abbacchio dallo spiedo, fatto sparire la birra e infine se ne sarebbe andato senza che nessuno si accorgesse di lui. Altri con maggior senso pratico ma con minor orgoglio professionale avrebbero forse ficcato un pugnale in ciascuno degli Uomini Neri prima che si accorgessero di lui. Dopodiché si sarebbe potuta passare una nottata allegra.

Bilbo lo sapeva. Aveva letto molte cose utili che personalmente non aveva mai visto o fatto. Era allarmatissimo e disgustato; avrebbe desiderato essere lontano mille miglia da lì, eppure... eppure c'era qualcosa che gli impediva di tornare subito da Thorin e Compagnia a mani vuote. Così rimase fermo ed esitante nelle tenebre. Dei vari tipi di furto di cui aveva sentito parlare, svuotare le tasche agli Uomini Neri sembrava di gran lunga il meno difficile, così alla fine strisciò dietro un albero proprio alle spalle di Guglielmo.

Berto e Maso si diressero verso il barile. Guglielmo stava scolando un altro boccale. Allora Bilbo raccolse tutto il suo coraggio e mise la manina nell'enorme tasca di Guglielmo. C'era dentro un borsellino, grande quanto una borsa, per Bilbo. 'Eccoci qua!' pensò, appassionandosi al suo nuovo lavoro mentre estraeva con somma cautela il borsellino. 'Questo sì che è un buon inizio!'

Proprio! Dei borsellini degli Uomini Neri non ci si deve mai fidare, e questo non faceva eccezione. «Ehi, tu chi sei?» gridò uscendo dalla tasca, e Guglielmo si girò immediatamente e acchiappò Bilbo per il collo, prima che potesse acquattarsi dietro l'albero.

«Che mi caschino gli occhi in mano, Berto, guarda che ho beccato!» disse Guglielmo.

«Che cos'è?» dissero gli altri avvicinandosi a lui.

«E che diavolo ne so! Che cosa sei?»

«Bilbo Baggins, uno scass... uno Hobbit!» disse il povero Bilbo, tremando da capo a piedi e domandandosi come fare versi gufici, prima che lo strozzassero.

«Uno scasshobbit?» dissero, un po' perplessi. Gli Uomini Neri sono lenti di comprendonio e superlativamente sospettosi nei confronti di qualsiasi cosa che per loro sa di nuovo.

«E comunque cos'ha da spartire uno scasshobbit con le mie tasche?» disse Guglielmo.

«E si possono cucinare?» disse Maso.

«Ci si può provare» disse Berto prendendo uno spiedo.

«Non ti riempirebbe neanche la bocca,» disse Guglielmo che aveva già fatto un'ottima cena «una volta spellato e disossato.»

«Forse ce n'è qualche altro come lui qui attorno e potremmo farci uno spezzatino» disse Berto. «Ehi tu, coniglio schifoso, c'è qualche altro spione del tuo tipo che striscia qui in questi boschi?» disse guardando i piedi pelosi dello Hobbit; lo tirò su per le dita dei piedi e lo scosse.

 

«Sì, tanti» disse Bilbo prima di ricordarsi di non tradire i suoi amici. «No, no, proprio nessuno, neanche uno» disse subito dopo.

«Che vuoi dire?» disse Berto tenendolo sollevato, questa volta per i capelli.

«Quello che dico!» disse Bilbo boccheggiando. «E per piacere non cuocetemi, buoni signori! Io stesso sono un buon cuoco, più buono a cucinare di quanto non lo sia a essere cucinato, non so se mi spiego. Cucinerò benissimo per voi, vi farò un ottimo pranzo se solo non mi mangerete a cena.»

«Povera canaglietta!» disse Guglielmo. Aveva già mangiato a cena tutto quello che poteva ingoiare; e aveva anche bevuto un sacco di birra. «Povera canaglietta! Lascialo andare!»

«Non prima che abbia detto cosa ha voluto dire con tanti, e con proprio nessuno!» disse Berto. «Non voglio mica svegliarmi con la gola tagliata! Tienigli le dita dei piedi sul fuoco, finché parli!»

«Non lo permetto!» disse Guglielmo. «Sono stato io a catturarlo!»

«Sei un pancione deficiente, Guglielmo,» disse Berto «come t'ho già detto prima di stasera.»

«E tu sei un cafone!»

«Questo non me lo dovevi dire, Guglielmo Huggings» disse Berto dando un pugno nell'occhio di Guglielmo.

Allora ci fu un bellissimo pandemonio. Bilbo, quando Berto lo lasciò cadere a terra, ebbe ancora abbastanza presenza di spirito da sgattaiolare fuori dei loro piedi prima che cominciassero ad azzuffarsi come cani e a chiamarsi l'un l'altro e a gran voce con ogni sorta di nomi perfettamente veritieri e appropriati. Presto furono serrati l'uno nelle braccia dell'altro, rotolando quasi dentro al fuoco tra pugni e botte, mentre Maso li bastonava con un ramo per ricondurli alla ragione - e questo ovviamente servì solo a infuriarli più che mai.

Per Bilbo sarebbe stato il momento giusto di andarsene. Ma i suoi poveri piedi erano stati quasi stritolati dalla zampaccia di Berto e lui stesso non aveva più fiato in corpo e la testa gli girava; così rimase lì ad ansimare per un po', appena fuori del cerchio di luce del fuoco.

Proprio nel mezzo della lotta arrivò Balin. I Nani avevano udito dei rumori in lontananza e dopo avere atteso per un po' che Bilbo ritornasse o facesse il verso del gufo, cominciarono uno a uno a strisciare verso la luce il più silenziosamente possibile. Vedere Balin farsi avanti nel cerchio di luce e gettare un urlo terribile, fu per Maso un tutt'uno. Gli Uomini Neri non sopportano nemmeno la vista dei Nani (non cotti). Berto e Guglielmo smisero immediatamente di lottare e «Presto, Maso, un sacco!» dissero. Prima che Balin, il quale si domandava dove fosse Bilbo in tutta quella confusione, capisse cosa stava succedendo, il sacco gli calò sulla testa e lui fu gettato per terra.

«O mi sbaglio di grosso, o ne arriveranno altri» disse Maso. «Tanti e nessuno, è proprio vero!» disse. «Nessuno scasshobbit, ma tanti di questi Nani qui. Ecco come stanno le cose!»

«Mi sa che hai ragione,» fece Berto «e faremmo meglio a toglierci dalla luce.»

E così fecero. Tenendo in mano i sacchi che usavano per portare via pecore e altra preda attesero nelle tenebre. Man mano che un Nano arrivava, e guardava sorpreso il fuoco, i boccali ricolmi, e il montone rosicchiato, plop! un sacco puzzolente gli piombava sulla testa ed egli era giù per terra. Presto accanto a Balin giacquero Dwalin, Fili e Kili insieme, Dori, Nori e Ori tutti in un mucchio, e Oin, Gloin, Bifur, Bofur e Bombur ammonticchiati scomodamente accanto al fuoco.

«Così imparano!» disse Maso; infatti Bifur e Bombur avevano dato parecchio da fare e avevano lottato furiosamente, come fanno i Nani quando sono messi alle corde.

Thorin arrivò per ultimo - e non fu catturato di sorpresa. Arrivò aspettandosi guai e non ebbe bisogno di veder sporgere fuori dai sacchi le gambe dei suoi amici per capire che le cose non andavano bene per niente. Indugiò fuori nelle tenebre per un po', e disse: «Ma che razza di guaio è questo? Chi è che ha sbattuto la mia gente di qua e di là?.»

«Gli Uomini Neri!» disse Bilbo da dietro a un albero. Si erano completamente dimenticati di lui. «Sono nascosti nei cespugli con dei sacchi in mano» aggiunse.

«Ah! davvero?» disse Thorin, e balzò in avanti verso il fuoco, prima che potessero lanciarsi su di lui. Raccolse un grosso ramo incendiato a un'estremità, e Berto si prese quell'estremità nell'occhio prima di potersi scansare. Questo lo mise fuori combattimento per un po'. Bilbo fece del suo meglio. Si attaccò alla gamba di Maso - come meglio poté, visto che era solida come un giovane tronco - ma fu spedito a gambe all'aria in cima a qualche cespuglio, quando dando un calcio al bastone Maso fece sprizzare le scintille in faccia a Thorin.

In cambio Maso si prese il ramo sui denti e perse uno degli incisivi. Questo lo fece urlare, ve lo dico io. Ma in quel momento sopravvenne da dietro Guglielmo e gettò il sacco proprio sopra la testa di Thorin, dritto giù fino ai piedi. E così la lotta finì. Adesso erano tutti in un bell'imbroglio: tutti ben legati nei sacchi, con tre Uomini Neri arrabbiati (due con bruciature e colpi di cui ricordarsi) seduti accanto a loro, che discutevano se dovessero arrostirli lentamente, o tritarli finemente e bollirli, o semplicemente sedersi su di loro e schiacciarli uno per uno, riducendoli in gelatina: e Bilbo su un cespuglio, con la pelle e i vestiti laceri, che non osava muoversi per paura che lo potessero udire.

 

* * *

 

Fu proprio allora che Gandalf ritornò. Ma nessuno lo vide. Gli Uomini Neri avevano deciso di arrostire subito i Nani e di mangiarli più tardi: l'idea era di Berto, ed era stata approvata dagli altri dopo un bel po' di discussioni.

«È stupido arrostirli subito, andremmo avanti tutta la notte» disse una voce. Berto pensò che fosse quella di Guglielmo.

«Non ricominciare tutta la discussione da capo, Guglielmo,» disse «o andrà davvero avanti tutta la notte.»

«Ma chi discute?» disse Guglielmo, pensando fosse stato Berto a parlare.

«Tu» disse Berto.

«Sei un bugiardo» disse Guglielmo; e così la discussione ricominciò da capo. Alla fine decisero di tritarli finemente e di bollirli. Così presero un pentolone nero e tirarono fuori i coltelli.

«È stupido bollirli! Non abbiamo acqua e ci vuole un sacco di tempo per arrivare fino al pozzo» disse una voce. Berto e Guglielmo pensarono fosse quella di Maso.

«Chiudi il becco!» dissero. «O non la finiremo mai. E ci puoi andare tu a prendere l'acqua, se parli ancora.»

«Chiudi il becco tu!» disse Maso, che pensava fosse stata la voce di Guglielmo. «Chi è che discute, a parte te? vorrei proprio saperlo.»

«Sei uno zoticone!» disse Guglielmo.

«Zoticone sarai tu!» disse Maso.

E così la discussione ricominciò da capo e si fece più violenta che mai, finché alla fine decisero di sedersi sui sacchi uno dopo l'altro e di schiacciare i Nani e bollirli alla prossima occasione.

«Su chi ci sediamo per primo?» disse la voce.

«Meglio sedersi per primo sull'ultimo arrivato» disse Berto, che aveva avuto l'occhio ammaccato da Thorin. Pensava fosse stato Maso a parlare.

«Non parlare da solo!» disse Maso. «Ma se ti vuoi sedere sull'ultimo, sieditici. Qual è?»

«Quello coi calzini gialli» disse Berto.

«Sciocchezze, quello coi calzini grigi» disse una voce simile a quella di Guglielmo.

«Sono sicurissimo che il colore era giallo» disse Berto.

 

 

«E giallo era» disse Guglielmo.

«Allora perché dici che era grigio?» disse Berto.

«Non l'ho mai detto. L'ha detto Maso.»

«Questo mai!» disse Maso. «Sei stato tu.»

«Due contro uno, perciò chiudi il becco!» disse Berto.

«A chi stai parlando?» disse Guglielmo.

«Adesso piantala!» dissero insieme Maso e Berto. «La notte sta finendo e l'alba arriva presto. Finiamola una buona volta, e sbrighiamoci!»

«L'alba vi prenda tutti e sia di pietra per voi!» disse una voce che sembrava quella di Guglielmo. Ma non lo era. Infatti proprio in quel momento la luce apparve sopra la collina e si sentì un forte cinguettio tra i rami. Guglielmo non parlò più perché rimase fermo, mutato in pietra mentre si chinava; e Berto e Maso si immobilizzarono come rocce mentre lo guardavano. E sono rimasti lì fino a oggi, tutti soli, a meno che gli uccelli non si posino su di loro; infatti gli Uomini Neri, come saprete, debbono trovarsi sotto terra prima dell'alba, o ritornano alla sostanza petrosa di cui sono fatti e non si moveranno più. Questo è quanto era accaduto a Berto, Maso e Guglielmo.

«Ottimo!» disse Gandalf, mentre avanzava da dietro un albero e aiutava Bilbo a scendere dal cespuglio spinoso. Allora Bilbo capì. Era stata la voce dello stregone che aveva indotto gli Uomini Neri a bisticciare e litigare finché non era arrivata la luce a porre fine a tutto.

L'operazione successiva consistette nello slegare i sacchi e far uscire i Nani. Erano quasi soffocati e molto seccati: non gli era per nulla piaciuto star lì per terra ad ascoltare gli Uomini Neri che facevano piani per arrostirli, schiacciarli e tritarli. Dovettero sentire il resoconto di Bilbo sull'accaduto almeno due volte, prima di essere soddisfatti.

«Che momento stupido per esercitarsi a rubare e borseggiare,» disse Bombur «quando quello che volevamo era un fuoco e del cibo!»

«Ed è proprio quello che, senza lottare, non avreste mai ottenuto da questi bei tipi» disse Gandalf. «Comunque adesso state perdendo tempo. Com'è possibile che non vi rendiate conto che gli Uomini Neri dovevano avere una grotta o una caverna qui vicino, dove sottrarsi alla vista del sole? Dobbiamo andare a farvi una visitina!»

Ispezionarono tutt'intorno, e presto trovarono delle impronte di stivali petrosi da Uomo Nero che si allontanavano in mezzo agli alberi. Seguirono le tracce su per la collina, finché non arrivarono a una grossa porta di pietra, nascosta tra i cespugli, che chiudeva una grotta. Ma non riuscirono ad aprirla, benché spingessero tutti mentre Gandalf provava varie formule magiche.

«Questa potrebbe servire a qualcosa?» domandò Bilbo, quando tutti erano ormai stanchi e irritati. «L'ho trovata per terra dove gli Uomini Neri si sono azzuffati.» E tirò fuori una chiave abbastanza grossa, anche se Guglielmo l'aveva senza dubbio giudicata molto piccola e segreta. Doveva essergli caduta di tasca, molto opportunamente, prima che fosse tramutato in pietra.

«Perché non ne hai parlato prima?» gridarono. Gandalf l'afferrò e la infilò nella serratura. Allora la porta di pietra si aprì con una spinta poderosa, ed entrarono tutti. C'erano ossa sul pavimento e un odore sgradevole nell'aria; ma c'era anche una grande quantità di cibo gettato alla rinfusa su alcuni scaffali e sul terreno e, in gran disordine, il bottino di molte rapine. C'era di tutto: bottoni d'ottone e pentole piene di monete d'oro che stavano in un angolo. C'erano anche molti vestiti, appesi alle pareti - troppo piccoli per Uomini Neri, temo che appartenessero alle loro vittime - e in mezzo a essi molte spade di varia fattura, forma e dimensione. Due attrassero particolarmente il loro sguardo, per le loro belle guaine e per le else tempestate di gemme.

Gandalf e Thorin ne presero una per uno; e Bilbo prese un coltello in una custodia di pelle. Per un Uomo Nero sarebbe stato al massimo un coltellino tascabile, ma per lo Hobbit era buono quanto una spada corta.


Date: 2015-12-17; view: 204


<== previous page | next page ==>
Una riunione inaspettata 2 page | Una riunione inaspettata 4 page
doclecture.net - lectures - 2014-2017 year. Copyright infringement or personal data (0.023 sec.)